Portale Trasparenza Comune di Ceprano - Accesso civico

Il portale della Trasparenza conforme al D.Lgs. 33/2013 - "Amministrazione Trasparente"

CIRCOLARE INTERNA 22215

 

Città di Ceprano

Provincia di Frosinone

____________

 

 

Ufficio del Segretario Generale

Servizio prevenzione e contrasto

Alla corruzione e all’illegalità’

Corso della Repubblica n°2 -  03024  Ceprano  (Fr)

 ( 0775-91741  Fax 0775-912754 

   Partita Iva  00613310606   Codice Fiscale 80001790601

 

 

 

PROT. 22215/23.12.2016                                                                                                            

Ai Responsabili Settore

Economico Finanziario – dr. Luigi Saccoccia

Amministrativo Affari Generali – dr. Michele Gesuale

Lavori Pubblici, Infrastrutture e Patrimonio – ing. Alberto Festa

Urbanistica Ambiente e Attività Produttive – arch. Vincenzo R. Robusto

Polizia Municipale – dr. Felicia Nalli

  • S e d e –

 

E     p.c.                                              Sindaco

Marco Galli

  • S e d e –

 

Al Revisore dei Conti

Alfredo Altobelli

 

All’Organismo Interno di Valutazione

 Arturo Bianco

 

  CIRCOLARE INTERNA  

 

OGGETTO: Le pubblicazioni nella sezione “Bandi di gara e contratti” di amministrazione trasparente.

 

La pubblicazione in Amministrazione trasparente, nella sezione “BANDI DI GARA E CONTRATTI” di dati, atti e informazioni relativi alle procedure di affidamento dei contratti pubblici di lavori, servizi e forniture è stata profondamente rivisitata dal Decreto legislativo 25/05/2016, n. 97, che ha introdotto, dopo l'articolo 9 del D.Lgs. 33/2013, il nuovo art. 9-bis relativo alla “pubblicazione delle banche dati”.

La novità consiste nell’aver introdotto un nuovo obbligo di pubblicazione in precedenza non contemplato. Si tratta di un obbligo che è stato posto a carico delle sole pubbliche amministrazioni titolari delle banche dati identificate direttamente dal D.Lgs. 33/2013 (all.B).

In particolare, l’obbligo di pubblicazione delle banche dati, nella materia dei contratti pubblici, riguarda:

 

  • MEF-RGS relativamente alla BDAP - Banca Dati Amministrazioni Pubbliche
  • ANAC relativamente alla BDNCP - Banca Dati Nazionale Contratti Pubblici
  • MIT relativamente al Servizio contratti pubblici

 

In forza del D.Lgs 97, dello scorso maggio, MEF-RGS, ANAC e MIT sono ora tenuti a pubblicare le informazioni contenuti nelle citate banche dati, corrispondenti agli obblighi di pubblicazione di cui al D.Lgs. 33/2013, e indicati nel medesimo.

La pubblicazione deve essere effettuata con i requisiti di qualità delle informazioni riportate nei siti istituzionali nel rispetto degli obblighi di pubblicazione previsti dalla legge, assicurandone l'integrità, il costante aggiornamento, la completezza, la tempestività, la semplicità di consultazione, la comprensibilità, l'omogeneità, la facile accessibilità, nonchè la conformità ai documenti originali in possesso dell'amministrazione, l'indicazione della loro provenienza e la riutilizzabilità.

L'esigenza di assicurare adeguata qualità delle informazioni diffuse non può, in ogni caso, costituire motivo per l'omessa o ritardata pubblicazione dei dati, delle informazioni e dei documenti.

I requisiti di pubblicazione, sopra citati , vanno assicurati ove compatibili con le modalità di raccolta ed elaborazione dei dati.

In conseguenza della previsione dell’obbligo di pubblicazione delle banche dati di MEFRGS, ANAC e MIT, cambiano le modalità di pubblicazione relative alla materia dei contratti pubblici in adempimento agli obblighi di pubblicazione posti a carico di tutte le amministrazioni di cui all'articolo 1, comma 2, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, ivi comprese le autorità portuali, nonché le autorità amministrative indipendenti di garanzia, vigilanza e regolazione.

In sintesi, i cambiamenti vanno apprezzati tenendo presente quanto segue.

Pubblicazioni nella sezione “Bandi di gara e contratti” Le pubblicazioni concernenti i contratti pubblici di lavori, servizi e forniture vengono effettuate dalle amministrazioni in adempimento ad obblighi di pubblicazione in “settori speciali”, previsti dal Capo V del D.Lgs. 33/2013.

Si tratta del settore speciale dei “Bandi di gara e contratti”, disciplinato dall’art. 37 del D.Lgs. n. 33/2013, e modificato dal D.Lgs. 97/2016.

In questo settore speciale, ai fini di trasparenza, le amministrazioni sono tenute a pubblicare:

a) i dati previsti dall'articolo 1, comma 32, della legge 6 novembre 2012, n. 190;

b) gli atti e le informazioni oggetto di pubblicazione ai sensi del decreto legislativo 18 aprile 2016, n. 50.

Ciò premesso:

1 - limitatamente alla sola parte lavori, gli obblighi di pubblicazione di cui alla lettera a) si intendono assolti attraverso l'invio dei medesimi dati alla BDAP - banca dati delle amministrazioni pubbliche.

2 - per i servizi e le forniture, l’adempimento degli obblighi di pubblicazione previsti dall’art. 37, comma 1 del d.lgs. 33 del 2013 prevede che le amministrazioni:

  • comunichino i dati, le informazioni o i documenti dalle stesse detenuti all'amministrazione titolare della corrispondente banca dati;
  • pubblichino sul proprio sito istituzionale, nella sezione "Amministrazione trasparente", il collegamento ipertestuale, rispettivamente, alla banca dati contenente i relativi dati, informazioni o documenti.

Tale innovativa modalità di pubblicazione va effettuata nei limiti dei dati effettivamente contenuti nelle banche dati e lascia, comunque, inalterata la possibilità, per le amministrazioni, di continuare a pubblicare sul proprio sito i dati purché identici a quelli comunicati alla banca dati.

Gli obblighi di pubblicazione degli “atti” ai sensi del decreto legislativo 18 aprile 2016, n. 50

Per i contratti e gli investimenti pubblici di competenza regionale o di enti territoriali, le stazioni appaltanti provvedono all'assolvimento degli obblighi informativi e di pubblicità disposti dal codice:

  • tramite i sistemi informatizzati regionali, che devono comunque garantire l'interscambio delle informazioni e l'interoperabilità, tramite cooperazione applicativa, dei rispettivi sistemi e delle piattaforme telematiche con le banche dati dell'ANAC e del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti.

Le modalità di pubblicazione sopra indicate concernono, quanto a contenuto:

  • tutti gli atti relativi alla programmazione di lavori, opere, servizi e forniture, così come previsto dall'articolo 29, comma 1, del d.lgs. 50/2016;
  • tutti gli atti relativi alle procedure per l'affidamento di appalti pubblici di servizi, forniture, lavori e opere, di concorsi pubblici di progettazione, di concorsi di idee e di concessioni, così come previsto dagli articoli 1 comma 32 e 29 comma 1 del d.lgs. 50/2016;
  • il provvedimento che determina le esclusioni dalla procedura di affidamento e le ammissioni all'esito delle valutazioni dei requisiti soggettivi, economico-finanziari e tecnico-professionali, con obbligo, in questo caso, di procedere alla pubblicazione entro due giorni dall'adozione;
  • la composizione della commissione giudicatrice e i curricula dei componenti della commissione medesima;
  • i resoconti della gestione finanziaria dei contratti al termine della loro esecuzione.

L’obbligo comprende anche gli atti tra enti nell'ambito del settore pubblico, di cui all'articolo 5 del d.lgs. 50/201 6 ove non considerati riservati ai sensi dell'articolo 53 ovvero secretati ai sensi dell'articolo 162.

Gli atti devono essere pubblicati e aggiornati:

  • sul profilo del committente, nella sezione "Amministrazione trasparente”;
  • sul sito MIT - Ministero delle infrastrutture e dei trasporti – Servizio Contratti pubblici;
  • sulla piattaforma digitale istituita presso l'ANAC, anche tramite i sistemi informatizzati regionali, e le piattaforme regionali di e-procurement interconnesse tramite cooperazione applicativa.

Per la comunicazione dei dati alle amministrazioni titolari delle banche dati vanno utilizzati, come detto in precedenza, i sistemi informatizzati regionali, e le piattaforme regionali di e-procurement interconnesse tramite cooperazione applicativa.

Gli obblighi di pubblicare le “informazioni” e i “dati” previsti dall'articolo 1, comma 32, della legge 6 novembre 2012, n. 190

Relativamente ai dati e alle informazioni, l’obbligo di pubblicazione concerne le informazioni relative alla struttura proponente; l'oggetto del bando; l'elenco degli operatori invitati a presentare offerte; l'aggiudicatario; l'importo di aggiudicazione; i tempi di completamento dell'opera, servizio o fornitura; l'importo delle somme liquidate, così come previsto dall'articolo 1, comma 32, della legge n. 190/2012.

In definitiva, la struttura della sezione Gare e Contratti dovrebbe comprendere la pubblicazione di:

  • Avvisi di preinformazione
  • Delibera a contrarre
  • Avvisi, bandi ed inviti
  • Gare in corso
  • Gare concluse
  • Avvisi di aggiudicazione
  • Bandi e avvisi per appalti di lavori, servizi e forniture nei settori speciali
  • Avvisi sui risultati della procedura di affidamento
  • Avvisi sistema di qualificazione
  • Riepilogo Contratti
  • Adempimenti l. 190/2012 art. 1 c. 32

L’obbligo di aggiornamento

Va posta particolare attenzione all’obbligo di aggiornare i dati già pubblicati relativamente ai bandi e agli avvisi.

Di seguito si indica, in proposito, un esempio di come, mano a mano che procede la gara, devono essere pubblicati gli aggiornamenti sullo svolgimento della procedura.

MODELLO

  • Bando di gara del xxx 2016
  • data di Pubblicazione: xxx 2016
  • data di Scadenza: xxx 2016
  • Gara europea a procedura aperta per l’affidamento della manutenzione dei servizi applicativi di xxx
  • CIG: xxxx
  • data di Pubblicazione: xxx
  • data di Scadenza : xxx
  • Invio Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea: xxx
  • Pubblicazione Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana: xxx
  • Presentazione offerte: xxx
  • Prima seduta pubblica: xxx
  • Durata: 36 mesi oltre alla garanzia di dodici mesi sui prodotti
  • Importo: € xxx (IVA e costi della sicurezza esclusi) così suddivisi:

• € xxx per servizi a canone (MAD, MAC, SUP);

• € xxx per servizi a consumo (MEV).

  • I costi della sicurezza derivanti dai rischi di natura interferenziale sono pari ad € (IVA esclusa)
  • Bando GURI
  • AVVISO del xxx 2016

Si comunica che il giorno venerdì xxx alle ore xxx si terrà, presso la sede di xxx, la prossima seduta pubblica della Commissione di gara per la comunicazione dell’aggiudicazione provvisoria.

  • AVVISO del xxx 2016

Si comunica che il giorno xxx 2016 alle ore xxx si terrà, presso la sede di xxx, la prossima seduta pubblica della Commissione di gara per l’apertura dell’offerta economica.

  • AVVISO del xxx 2016

Come comunicato nella scorsa seduta pubblica, si conferma la seduta pubblica della Commissione di gara per oggi, xxx 2016 alle xxx, presso la sede di xxx

  • AVVISO del xxx 2016

Si comunica che la prossima seduta pubblica della Commissione di gara si terrà il giorno xxx 2016 alle ore 10:00, presso la sede di xxx

  • AVVISO del xxx 2016

Si comunica che la prossima seduta pubblica della Commissione di gara si terrà il giorno xxx 2016 alle ore 11:00, presso la sede di xxx

  • RETTIFICA AVVISO del xxx 2016

Si comunica che la seduta pubblica della Commissione di gara fissata per il xxx mese xxx 2016, si terrà alle ore 9:30 invece che alle ore 11:00.

  • AVVISO del xxx 2016

Si comunica che la prossima seduta pubblica della Commissione di gara si terrà il giorno xxx 2016 alle ore 11:00, presso la sede di xxx

  • AVVISO del xxx 2016

Si comunica che la prossima seduta pubblica della Commissione di gara si terrà il giorno xxx 2016 alle ore 10.30, presso la sede di xxx

  • AVVISO del xxx 2016

Si comunica che la prima seduta pubblica della Commissione di gara, già fissata per il xxx 2016, è rinviata alla data del xxx 2016, ore 11,00, presso la sede di xxx

  •  
  • Disciplinare di gara con allegato Schema di relazione tecnica
  • Capitolato tecnico
  • All. 1 Linee guida servizi di xxx
  • All. 2 Servizi applicativi di xxx
  • All. 3 Indicatori di qualità
  • Schema di contratto
  •  
  •  

• MOD. 1 e 1 BIS per Impresa

• MOD. 1 e 1 BIS per Consorzi Coop-Stabili

• MOD. 1 e 1 BIS per Consorzi d'Impresa

• MOD. 1 e 1 BIS per RTI

• MOD. 2 e 3 Avvalimento

• MOD. 4 Dichiarazione subappalto

• MOD. 5 Offerta economica

• Risposte ai quesiti – aggiornate al xxx 2016

 

Accesso civico per omessa pubblicazione:

Nel caso in cui sia stata omessa la pubblicazione, nelle banche dati, dei dati oggetto di comunicazione ed effettivamente comunicati, la richiesta di accesso civico di cui all'articolo 5 è presentata al responsabile della prevenzione della corruzione e della trasparenza dell'amministrazione titolare della banca dati.

Qualora, per contro, l'omessa pubblicazione dei dati sia imputabile ai soggetti dell’amministrazione tenuta ad effettuare la comunicazione, la richiesta di accesso civico è presentata al responsabile della prevenzione della corruzione e della trasparenza dell'amministrazione tenuta alla comunicazione.

 

Si ricorda, infine,  la delibera n.39 dell’ANAC del 20 gennaio 2016 che a reso disponibili, in un unico documento XML, le informazioni necessarie per assolvere correttamente agli obblighi di pubblicazione e di trasmissione delle informazioni, ai sensi dell’art.1, comma 32, della legge 190/2012, come aggiornato dall’art. 8, comma 2, della legge n. 69/2015 “Entro il 31 gennaio di ogni anno, tali informazioni, relativamente all’anno precedente, sono pubblicate in tabelle riassuntive rese liberamente scaricabili in un formato digitale standard aperto che consenta di analizzare e rielaborare, anche a fini statistici, i dati informatici. Le amministrazioni trasmettono in formato digitale tali informazioni all’Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture, che le pubblica nel proprio sito web in una sezione liberamente consultabile da tutti i cittadini, catalogate in base alla tipologia di stazione appaltante e per regione”.

Con detta delibera sono stati inoltre chiariti alcuni importanti elementi come:

  • le responsabilità relativamente alla completezza, chiarezza e aggiornamento delle informazioni pubblicate e comunicate (Articolo 10);
  • quali sono le conseguenze in caso di inadempimento (Art. 12)
  • il formato da utilizzare per la pubblicazione (Articolo 6);
  • quali informazioni pubblicare e qual’è la tempistica per la pubblicazione e per l’aggiornamento (Art. 3)

 

Si prescrive la puntuale attuazione degli adempimenti di cui alla presente circolare.

 

Ceprano 22 dicembre 2016

 

   Il Segretario Generale

      Nadia  Iannotta

Facebook Twitter Google Plus Linkedin
- Inizio della pagina -
Recapiti e contatti
C.so della Repubblica - 03024 Ceprano (FR)
PEC comune.ceprano@pec.leonet.it
Centralino 0775 91741
P. IVA 00613310606
Linee guida di design per i servizi web della PA
Il progetto Portale della trasparenza sviluppato da ISWEB S.p.A. www.isweb.it